capoeira-miura5

CAPOEIRA

L’arte della Capoeira è una delle piu’ alte espressioni folcloristiche ed artistiche del Brasile.
Nacque circa quattro secoli or sono, intorno al 1580. La sua origine va ricercata presso gli schiavi africani Bantu’, deportati dai colonizzatori portoghesi in Brasile. Il termnine stesso Capoeira riassume questa origine: essa è cioè frutto dello schiavismo, e se tale fenomeno non fosse esistito non sarebbe esistita nemmeno la Capoeira. Dato che agli schiavi era proibita qualunque forma di combattimento, per non incorrere nelle punizioni dei padroni questa tecnica veniva mascherata come danza mimica acrobatica.
Nel 1953, dopo un’esibizione tenuta da un gruppo di capoeristi alla presenza del Presidente della Repubblica Getulio Vargas, la Capoeira cominciò ad essere valorizzata e ad avere l’appoggio dei politici, degli intellettuali e degli artisti. Questa disciplina entrò cosi nelle scuole, nelle palestre e iniziò ad essere insegnata ovunque.
Dal 1972 è stata dichiarata la ginnastica nazionale brasiliana.
Si distingue in “Capoeira d’angola” e “Capoeira regional”.
Il Maestro che diede un inquadramento alla Capoeira d’Angola fu Mestre Pastinha, mentre quello che fondò la Capoeira Regional fu Mestre Bimba, entrambi all’inizio del secolo scorso.
La Capoeira d’angola (Capoeira madre) assomiglia ad una danza, fatta di movimenti circolari, spesso eseguiti quasi a rallentatore. Non ci sono mai contatti bruschi e spesso ci si sposta accucciati facendo perno sul terreno con mani e piedi.
La Capoeira regional è una forma evolutasi dalla precedente e diventando sempre piu una tecnica di difesa e attacco, lotta e combattimento. Strutturati come in un’ arte marziale, i movimenti sono accompagnati da strumenti musicali la cui musica si fa via via piu’ veloce ed incalzante. Questo incita i capoeristi a velocizzare i colpi, gli scatti e i balzi in sequenze rapidissime ed altamente spettacolari.
L’attacco, la difesa ed il contrattacco sono evidenti e si susseguono rapidamente, ed i colpi possono essere portati a contatto in modo controllato o più deciso.