Cinzia Dolcini

La M. Cinzia Dolcini si avvicina al mondo delle arti marziali fin dall’adolescenza: primo dan di Karate (Kumite), pratica Muay Thai e intraprende lo studio del Kobudō, arti marziali tradizionali giapponesi.

La laurea Specialistica in Lingue e Civiltà dell’ Asia Orientale a Ca’Foscari (Venezia), indirizzo giapponese con tesi riguardante lo spionaggio, la storia militare feudale in Giappone e lo sviluppo del ninjutsu, integra le sue conoscenze nel settore.

Intraprende viaggi all’estero per lo studio del Bujinkan Budō Taijutsu (Spagna, Germania, Giappone) ove partecipa a numerosi Taikai o eventi nazionali ed internazionali con maestri di 15° dan di grande spessore; in particolare frequenta le lezioni tenute dal 15° dan Paco Roldan Belmonte Sensei (Barcelona). Come perfezionamento delle proprie conoscenze, trascorre diversi anni in Giappone dove vive, lavora e si allena regolarmente prima sotto la guida del 15° dan Sakaguchi Sensei (Ōsaka) e successivamente seguendo gli insegnamenti del 15° dan Senō Sensei (Chiba pref., vicino a Tōkyō), uno degli allievi del Sōke di più lunga data. Periodicamente frequenta inoltre le lezioni del Gran Maestro Hatsumi e degli Shihan che insegnano all’Honbu Dōjō (Chiba pref.). Ha l’onore di intervistare direttamente il gran Maestro Hatsumi per il progetto internazionale non-profit MEMORO – La Banca della Memoria, caricando gli episodi sul web (vd: www.memoro.org > Japan). Rientrando in Italia decide quindi di aprire il dōjō Rakuyū e continua a seguire corsi di approfondimento tramite seminari nazionali ed internazionali, con viaggi regolari in Giappone.